Home Concorsi Pubblici Inps: concorso pubblico per medici di prima fascia

Inps: concorso pubblico per medici di prima fascia

di Vincenzo Cangiano
comune di san giuseppe vesuviano concorso pubblico

L’INPS ha indetto un concorso pubblico per medici di prima fascia a tempo indeterminato.

La selezione, alla copertura di 189 posti di lavoro. Gli interessati sono invitati a leggere il relativo BANDO pubblicato Gazzetta Ufficiale n.78 del 01-10-2021. Le domande di partecipazione vanno presentate entro il 2 Novembre 2021.

 L’iniziativa rientra nel piano di assunzioni INPS che porterà all’inserimento di 5 mila persone, nel biennio 2021 – 2023 insieme al concorso per 1858 posti di consulenti protezione sociale.

Possono partecipare al concorso coloro in possesso dei seguenti requisiti i:

  • cittadinanza italiana o cittadinanza di uno degli Stati membri dell’Unione Europea o appartenenza a una delle tipologie previste dall’art.38 del d.lgs. 30 marzo 2001, n.165 e s.m.i.;
  • non essere stati destituiti, dispensati o licenziati dall’impiego presso una pubblica amministrazione e non essere stati dichiarati decaduti da altro impiego pubblico, né essere stati interdetti dai pubblici uffici ai sensi della vigente normativa in materia;
  • assenza di condanne penali, ancorché non passate in giudicato, che impediscano la costituzione o la prosecuzione del rapporto di lavoro con la pubblica amministrazione;
  • posizione regolare nei riguardi degli obblighi militari laddove previsti per legge;
  • godimento dei diritti politici e civili;
  • idoneità fisica allo svolgimento delle funzioni cui il concorso si riferisce.

I candidati devono  inoltre essere in possesso dei seguenti titoli di studio e requisiti specifici:

  • diploma di laurea in medicina e chirurgia conseguito presso università o istituti di istruzione universitaria equiparati. I diplomi di laurea conseguiti all’estero saranno considerati utili purché riconosciuti equivalenti al titolo conseguito in Italia;
  • diploma di specializzazione in medicina legale o in disciplina equipollente o affine ai sensi dei Decreti ministeriali 30 gennaio 1998 e 31 gennaio 1998 e s.m.i. I diplomi conseguiti all’estero saranno considerati utili purché riconosciuti equivalenti al titolo conseguito in Italia;
  • iscrizione all’albo dell’Ordine professionale dei medici chirurghi. Anche l’iscrizione al corrispondente albo di uno dei paesi dell’UE permette la partecipazione al concorso, fermo restando l’obbligo dell’iscrizione all’albo italiano prima dell’assunzione.

Le prove selettive consisteranno nella valutazione dei titoli e il superamento di due prove d’esame, una scritta e una orale:

  • la prova scritta consisterà nella soluzione di quesiti a risposta multipla su argomenti di clinica e patologia medica o chirurgica, di legislazione sanitaria e sociale, di deontologia professionale, di medicina legale generale e delle assicurazioni sociali, con particolare riferimento agli ambiti previdenziali e assistenziali. Segnaliamo che la prova d’esame scritta avverrà tramite apposita strumentazione informatica che l’Istituto metterà a disposizione dei candidati;
  • la prova orale verterà sempre sulle materie della prova scritta, nonché inglese e informatica, oltre che sull’esame di un caso clinico e nella discussione dello stesso. L’Inps si riserva la possibilità di svolgere la prova orale in modalità di videoconferenza, in relazione al numero dei partecipanti e alla situazione pandemica del Paese.

I vincitori del concorso stipuleranno il contratto individuale di lavoro a tempo pieno e indeterminato come  medico di prima fascia funzionale. E’ previsto un periodo di prova di sei mesi. I vincitori, fatta eccezione della possibilità di trasferimenti d’ufficio nei casi previsti dalla legge, non potranno chiedere di essere trasferiti dalla prima destinazione per un periodo non inferiore a cinque anni.

La domanda di partecipazione va presentata esclusivamente mediante piattaforma telematica . Per accedere alla piattaforma e compilare la domanda, è necessario essere in possesso di SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) oppure CNS (Carta Nazionale dei Servizi) oppure CIE (Carta Identità Elettronica). Per ricevere le comunicazioni in merito al concorso, i candidati dovranno inserire un indirizzo di posta elettronica certificata nel modulo di domanda.

Articoli Correlati