Bonus Vacanze: informazioni utili su come richiederlo

12
bonus vacanze isee

Dal 1° Luglio sono aperte le richieste per il Bonus Vacanze 2020, ovvero diottenere uno sconto per un massimo di 500 euro per soggiorni in alberghi o altre strutture turistiche in Italia. 

Si può richiedere il Bonus Vacanza mediante l’App IO Italia e si può utilizzare fino a fine anno si tratta di un incentivo introdotto dal Decreto Rilancio in risposta all’emergenza sanitaria allo scopo di incentivare e rilanciare il turismo e aiutare le famiglie in difficoltà.

Tale  Bonus si realizza in uno sconto  per  chi si reca in in hotel, campeggi, villaggi turistici, agriturismi e bed & breakfast italiani. Dell’agevolazione potranno usufruire i nuclei familiari composti da 1 o più membri. Il suo valore è calcolato sull’ISEE e sul numero di componenti della famiglia.

Il Bonus vacanze può essere richiesto e utilizzato da un solo componente del nucleo familiare e non è frazionabile in più periodi di vacanze o da più strutture. Il membro che lo richiede può essere diverso da quello che lo utilizza ma sempre all’interno dello stesso nucleo familiare.

Comporta in parte uno sconto immediato sul costo del soggiorno e in parte come detrazione d’imposta nella dichiarazione dei redditi 2021. Un rimborso è previsto anche per tutti gli esercenti turistici che aderiscono alla Tax Credit Vacanze che consiste in un credito di imposta.

Bonus Vacanze a chi spetta ?

Colui che utilizza il bonus deve essere anche intestatario della fattura o del documento commerciale o dello scontrino/ricevuta fiscale emesso dalla struttura in cui lo ha utilizzato.

Tutti coloro il cui ISEE sia minore di 40mila euro possono richiederlo.

Sotto la tabella esplicativa:

  • bonus 500 euro: famiglie di 3 o più persone;
  • bonus 300 euro: coppie e nuclei familiari di 2 persone;
  • bonus 150 euro: nuclei familiari composti da una persona.

Il beneficio del bonus viene ricevuto in 2 momenti separati:

  • 80 per cento subito, sotto forma di sconto sul pagamento dovuto alla struttura turistica, la quale lo recupererà in un secondo momento sotto forma di credito d’imposta da utilizzare esclusivamente in compensazione;
  • 20 per cento dopo, sotto forma di detrazione d’imposta con la dichiarazione dei redditi del 2021.

 Per utilizzare il Bonus Vacanze vanno rispettate le seguenti condizioni:

  • può essere utilizzato da un solo componente del nucleo familiare (anche diverso dalla persona che lo ha richiesto);
  • deve essere speso in un’unica soluzione, presso una sola struttura turistica ricettiva italiana (hotel, villaggio turistico, campeggio, agriturismo e Bed & Breakfast);
  • il soggiorno o servizio turistico deve essere documentato da fattura, documento commerciale, scontrino o ricevuta fiscale, in cui sia indicato il codice fiscale della persona che usufruisce dello sconto;
  • il pagamento del soggiorno deve avvenire senza, ausilio, intervento o intermediazione di portali o piattaforme diversi da agenzie di viaggio o tour operator.

Di seguito sono riportati esempi  di calcolo del Bonus Vacanze calcolandolo su una famiglia di 4 persone che decide di effettuare una vacanza dal costo di 1.000 €. In questo caso, il bonus dà diritto ad uno sconto di 500 €, da ripartire così:

  • 80% del bonus da scontare direttamente dal documento commerciale con cui si paga il soggiorno: il nucleo familiare pagherà pertanto la sua vacanza 600 euro (usufruendo di uno sconto di 400 euro, pari all’80% del bonus di 500 € concesso);
  • 20% del bonus, da recuperare nella dichiarazione dei redditi 2021, in cui l’intestatario dell’agevolazione potrà portare 100 euro (il rimanente 20% di 500 euro) in detrazione dalle imposte dovute.

Per vacanze di costo inferiore al valore massimo del bonus (ad esempio 450 € per una famiglia di 3 o più persone), lo sconto viene  applicato sul dovuto. In questo caso, le quote dell’80% (sconto immediato) e del 20% (detrazione d’imposta) sono applicate al costo della vacanza (450 euro) e non all’importo massimo del bonus (500 euro).

Per richiedere ed usare il bonus non occorre stampare nulla, in quanto il bonus è in formato digitale.La sua attivazione è praticamente immediata. Dopo effettuata la richiesta utilizzando IO Italia l’App e si completano le verifiche dei requisiti connettendosi con il portale web INPS e si inviano i dati di riepilogo all’Agenzia delle Entrate, per poi inviare conferma che il Bonus è attivo.

Il bonus tuttavia può essere utilizzato solo presso le strutture turistiche aderenti per tutto il periodo indicato. Si  utilizza direttamente al momento del pagamento comunicando il proprio codice fiscale ed il codice univoco assegnato o, in alternativa, esibire il QR code, ottenuti al momento della richiesta.

Così facendo si ottiene:

  • una immediata riduzione del costo della vacanza, pari all’80% della somma totale;
  • un credito d’imposta, pari al rimanente 20% del bonus, da detrarre tramite dichiarazione dei redditi 2021 (periodo d’imposta 2020).

Per effettuare la richiesta del Bonus si deve essere in possesso della seguente documentazione:

  • ISEE in corso di validità;
  • credenziali Spid (o CIE 3.0);
  • App IO.

Modalità per ottenerli.

Bonus Vacanze ISEE

Per il calcolo dell’ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) va presentata la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) all’INPS,  in modalità precompilata o non precompilata, accedendo al sito web INPS o mediante i Centri di assistenza fiscale (Caf).

L’App IO, è  l’applicazione che permette di interagire con diverse Pubbliche Amministrazioni, è scaricabile da Smartphone. E’ gestita da PagoPa, che la rende disponibile gratuitamente, e contiene un’area dedicata alla Tax Credit Vacanze per i soggiorni in Italia.

Per richiedere il bonus si devee procedere così:

  • scaricare l’App IO da e installarla sul proprio Smartphone;
  • accedere all’App Bonus Vacanze tramite SPID o CIE 3.0;
  • dopo il primo accesso, impostare un codice di sblocco (PIN) di 6 cifre ed eventualmente una delle funzionalità di riconoscimento biometrico disponibili sul proprio dispositivo;
  • accedere alla domanda Bonus Vacanze nell’area “Pagamenti”, cliccando su “Bonus e sconti” e selezionando “Bonus vacanze-Agenzia delle Entrate”;
  • cliccare sul bottone “Richiedi Bonus Vacanze” e seguire l’iter per l’attivazione del Bonus 2020, che viene visualizzato nell’area Pagamenti insieme al codice univoco e al QR Code associati, e all’indicazione dell’importo dello sconto, dei componenti del nucleo familiare che possono utilizzarlo ed il periodo di validità.

Cosa possono fare le strutture turistiche ?

Fino al momento della riscossione non si può fare niente tranne informare i clienti che la propria struttura  aderisce all’iniziativa  bonus vacanza. Quando arriva un ospite in possesso del bonus vacanza che deve  pagare, l’operatore dovrà scontare subito l’80% del bonus in fattura o ricevuta. Successivamente  potrà richiedere il rimborso dell’importo. Questo potrà avvenire

sotto forma di credito di imposta. Gli albergatori otterranno uno sgravio fiscale, utilizzabile in 2 modi. Il rimborso dello sconto può essere recuperato mediante   compensazione, tramite modello F24 e senza limiti di importo, per il pagamento di tutti i tributi e contributi che possono essere versati in F24. Oppure  i fornitori dei servizi turistici possono cedere a terzi il credito d’imposta, compresi banche e istituti di credito, in maniera parziale o totale.