Falsi annunci di lavoro: alcuni consigli per evitarli

1
come riconoscere gli annunci falsi di lavoro

Sempre più spesso nel mondo del lavoro bisogna ci si imbatte nei cosiddetti fake job, ovvero annunci di lavoro falsi provenienti da  aziende  fantasma o da altre reali che propongono  lavori non fasulli. 

Capita infatti che molti siti web pubblichino offerte lavorative a mo’ di esca al fine di far iscrivere gli utenti a mailing list di pubblicità spam o scam in modo da guadagnarci su questo meccanismo.  Altre volte assumono personale per pochi giorni con la scusa della prova  non pagandole affatto e/o promettendo, a volte  lavori di telemarketing, al limite della “teletruffa”. Chi naviga in cerca di lavoro quindi, deve far attenzione a chi inviare candidature on line.

Per aiutare meglio gli utenti proponiamo cinque consigli per riconoscere un falso annuncio di lavoro:

  1. Controllare il sito dell’azienda: se nell’annuncio di lavoro è presente un link che richiama all’azienda, controllate che il sito si apra e funzioni. Se questo non accade e leggete frasi come “Il sito non è al momento raggiungibile” oppure “Sito in costruzione”, meglio non fidarsi. Provate anche il numero di telefono, cercate maggiori informazioni sulla posizione anche tramite mail. L’indirizzo solitamente dovrebbe essere “professionale”, identificare l’azienda e non un partire da un provider generico.
  2. Leggere attentamente il testo dell’annuncio: la proposta lavorativa deve essere esaustiva, le informazioni dettagliate. I compiti da svolgere devono essere chiari, così come la tipologia contrattuale proposta. Occhio anche a titoli di annunci eclatanti, che promettono guadagni alti ma con poco lavoro.
  3. Non pagare corsi di formazione: training, richiesta di acquistare kit per iniziare a lavorare e simili. Diffidate da chi chiede soldi per la formazione, perché le aziende mettono in conto determinate spese per il personale e non devono essere in alcuno modo “anticipate”.
  4. Controllare i feedback: utilizzando i motori di ricerca e digitando il nome dell’azienda dalla quale siete stati contattati o che avete trovato tramite un annuncio, accade spesso che i risultati siano subito negativi e molti, prima di voi, siano caduti nella stessa trappola. Bastano due minuti per fare una ricerca approfondita ed evitare brutte sorprese.
  5. Analizzare la proposta contrattuale ricevuta: chiedete, nel dettaglio, ogni informazione sul contratto di lavoro. Se vi propongono di firmarlo in un secondo momento, iniziare senza alcuna tutela, qualcosa non quadra.