Reddito di Cittadinanza: tutte le informazioni necessarie per accedere

12
come richiedere il reddito di cittadinanza

Il 29 gennaio 2019 è entrato in vigore il decreto legge 28 gennaio 2019, n.4, per contrastare la situazione di povertà in Italia e riproporre un nuovo piano occupazionale

Il reddito di cittadinanza è un’operazione volta ad alleviare il disagio economico che molte persone sono tutt’oggi costrette ad affrontare.

Il RdC dà un’opportunità sia economica che formativo-professionale a tutti gli utenti che lo richiedono, ma come bisogna fare per riceverlo?

Cos’è il Reddito di Cittadinanza?

Il reddito di cittadinanza nasce come proposta del Movimento 5 Stelle, prevista dalla legge 30 dicembre 2018, n 145, comma 255, per mettere un freno alla povertà in Italia, alla diseguaglianza e all’esclusione sociale.

Le politiche introdotte tramite il Reddito di Cittadinanza servono al sostegno economico e all’inserimento sociale, sia nel campo formativo che nel mondo del lavoro, degli individui in difficoltà.

Grazie alla Legge di Bilancio 2019 si è potuto istituire il fondo per il Reddito di Cittadinanza ,con una dotazione economica pari a più di 7 milioni di euro per il 2019, 8 milioni di euro per il 2020 e quasi 8 milioni e mezzo di euro annui dal 2021.

Per i nuclei familiari composti da individui di età pari o superiore a 67 anni si parla di Pensione di Cittadinanza.

Chi può usufruire dell’RdC? Qual è la durata?

Il Reddito di Cittadinanza o la Pensione di Cittadinanza può essere richiesto da ogni cittadino italiano o europeo con regolare permesso di soggiorno, residente in Italia da almeno 10 anni (di cui gli ultimi due in via continuativa).

L’utente dovrà aver compiuto la maggiore età ed essere disoccupato, con un ISEE inferiore a €9000 annui . Il patrimonio finanziario del richiedente non dovrà superare i €6000 e allo stesso modo il reddito familiare, con le dovute eccezioni.

I richiedenti non devono essere intestatari, né avere la disponibilità, di autoveicoli immatricolati e imbarcazioni da diporto.

Il Reddito di Cittadinanza viene concesso per un massimo di 18 mesi a decorrere dal giorno successivo la richiesta, l’importo totale mensile è pari ad un dodicesimo del valore annuale.

Tuttavia, può essere rinnovato previa sospensione di un mese, una volta scaduto il termine. Nel caso della pensione di cittadinanza non è previsto alcun periodo di sospensione.

In termini di cifre economiche, il beneficio portato dal Reddito di Cittadinanza si aggira tra i 480 e i €9.360 l’anno e prevede un contributo economico per le spese di affitto e del mutuo, il tutto erogato tramite la Carta RdC riconosciuta dall’INPS.

Inoltre, per i richiedenti dell’RdC sono previste anche delle agevolazioni sulla  bolletta dell’elettricità e quella della fornitura di gas.

Cosa bisogna fare per riceve il Reddito di Cittadinanza ?

Per avere il Reddito di Cittadinanza bisogna partecipare ad un percorso di attività formative o riqualificazione professionale.

 Ogni candidato dovrà sottostare ad un Patto per il Lavoro presso i Centri per l’impiego e agenzie del lavoro  (se si è idonei a lavorare); un Patto per la Formazione con Enti di formazioni ( se si ha bisogno di essere formati); un Patto per l’Inclusione Sociale che coinvolga i servizi sociali (se non si è in grado di lavorare).

Una volta aver preso parte ad uno dei Patti di Lavoro o di Inclusione bisogna attivamente partecipare a progetti utili alla comunità predisposti dal Comune, fino a 8 ore settimanali. In caso l’utente fosse affetto da disabilità è esonerato dalla sottoscrizione di questi due primi patti.

Gli utenti che hanno sottoscritto il Patto per il Lavoro hanno la possibilità di accedere a tre offerte di lavoro, che saranno selezionate dal Centro per l’impiego e dovrà sceglierne almeno una, pena la perdita del Reddito di Cittadinanza.

 Come calcolare il proprio Reddito di Cittadinanza?

Il Reddito di Cittadinanza per ogni utente che ne ha fatto richiesta viene calcolato tenendo conto del reddito familiare, il quale non dovrà superare il limite di €6000 annui.

Il tutto andrà moltiplicato per il parametro della scala di equivalenza corrispondente al nucleo familiare, pari ad: 1 per il primo componente, 0,4 per ogni altro membro maggiorenne e 0,2 per ogni componente minorenne della famiglia.

 Successivamente, bisognerà sottrarre il proprio reddito familiare da quello massimo previsto per conoscere l’integrazione reddituale che vi spetta con l’RdC.

Infine, bisogna aggiungere il contributo previsto dal canone di locazione mensile, o l’eventuale rata del mutuo e dividere la cifra ottenuta per 12 mensilità, in modo da conoscere l’importo esatto del mensile dell’RdC.

Tuttavia, bisogna ricordare che l’importo totale annuale per ogni utente non può superare i € 9360,00.

Dove richiedere l’RdC?

Il Reddito di Cittadinanza entrerà ufficialmente in vigore a partire da aprile 2019, nel frattempo si possono richiedere tutte le informazioni necessarie e verificare i requisiti presso le Poste Italiane oppure presso il CAF.

Una volta che la domanda sia stata inoltrata, sarà premura dell’INPS verificare i requisiti e in caso di accoglimento erogare l’RdC tramite la Carta prepagata di Poste Italiane.